Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Do il consenso

Globicefalo

Globicephala melas  (Traill, 1809)

 

Il globicefalo è un delfinide dalla corporatura allungata e robusta, che presenta un evidente dimorfismo sessuale. La lunghezza massima raggiunta dai maschi è di 7.6 m, quella delle femmine è di 5.7 m, mentre i piccoli alla nascita misurano 1.7 m. Un maschio può raggiungere le 2 t di peso, le femmine invece non superano la tonnellata ed i cuccioli alla nascita pesano circa 80 Kg.

La colorazione di questa specie è tipicamente nero ebano, con riflessi brunastri negli adulti. La regione golare-ventrale è caratterizzata da un disegno biancastro a forma di ancora, con il fuso che si estende verso la regione caudale e le marre disposte simmetricamente sotto il mento. Il capo si presenta globoso, con un melone sporgente che copre il rostro il quale risulta quasi assente. La pinna dorsale bassa e larga, si trova in posizione avanzata e presenta il vertice arrotondato; essa negli esemplari maschi è maggiormente ricurva rispetto a quella delle femmine. Le pinne pettorali, in entrambi i sessi, sono molto lunghe e sottili, leggermente ricurve ed appuntite.
 
Il globicefalo può immergersi fino a 600 m di profondità e le sue immersioni profonde possono protrarsi fino a 10-15 minuti. La velocità massima raggiunta da questa specie è di 35 Km/h ma spesso la si osserva nuotare in superficie molto lentamente, in gruppi compatti. È infatti un animale fortemente gregario, che si riunisce in branchi di 10-50 individui, talvolta anche più di 100.
 
La dieta del globicefalo è principalmente costituita da molluschi cefalopodi, e questa predilezione all’essere teutofago ha portato ad un adattamento della sua conformazione dentale, la quale presenta un numero di denti molto inferiore rispetto a quello degli altri Odontoceti; all’occorrenza però, preda varie specie di pesce.
 
L'età massima raggiunta è di 40-50 anni, anche se le femmine possono essere più longeve. Queste ultime, raggiungono la maturità sessuale tra i 6 ed i 10 anni di vita, i maschi invece tra i 15 ed i 20 anni.
La stagione riproduttiva ha luogo tra aprile e giugno; la gestazione dura 15 mesi e l’allattamento dei piccoli si protrae per 20-27 mesi.
Il globicefalo è una specie socievole e spesso si avvicina alle imbarcazioni con curiosità.
 
Nella lista IUCN, il Globicephala melas compare come specie a carenza di informazioni poiché, i dati per effettuare una valutazione sul suo rischio di estinzione sono inadeguati. Esso è inoltre presente nell’appendice II della CITES e nell’appendice II della CMS.
 
 

Testi a cura di Clara Monaco

 


Bibliografia

Notarbartolo di Sciara G., Demma M., 2004 – Guida dei mammiferi marini del Mediterraneo. Scienze naturali. Ed. Franco Muzzio, 2004 [1994]. 264 pp.

Taylor B. L., Baird R., Barlow J., Dawson S. M., Ford J., Mead J. G., Notarbartolo di Sciara G., Wade P., Pitman R. L., 2008c – Globicephala melas. In: IUCN 2008. 2008 IUCN Red List of Threatened Species.

Würtz M., Repetto N., 2003 – Balene e Delfini. Collana: Guide al mondo sottomarino. Ed. White Star, Vercelli, 2003. 170 pp.