Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Do il consenso
martedì 1 agosto 2017

Eco-turismo ad Aci Castello, nasce il progetto "Dolphin Watching & Conservation in the Gulf of Catania"

 

Ketos è lieta di annunciare a tutti gli amanti del mare che la collaborazione con l'associazione Mare Camp si è concretizzata con il lancio del progetto "Dolphin Watching & Conservation in the Gulf of Catania".

Di seguito la notizia pubblicata nell'apposito blog.

 

**

Uscite in mare alla ricerca dei delfini. Stati Uniti? Australia? Brasile? Indonesia? No, siamo nel Golfo di Catania.
 
Non tutti i siciliani sono a conoscenza della grande ricchezza di specie marine che popolano il loro mare. Sono presenti squali, razze, tonni, pesci luna, tartarughe marine, balene, delfini, e la lista è molto lunga!
 
Sì, abbiamo detto balene e delfini, quei magnifici mammiferi marini che fanno da star in acquari e parchi acquatici. Ebbene, loro vivono “anche” nel Mediterraneo, e il Golfo di Catania conta fino a 8 specie presenti regolarmente tutto l’anno.
 
Già, perché se la prima domanda spontanea di un catanese è “Veramente qui ci sono i delfini?”, la seconda domanda è “Quando sono arrivati?”. La risposta sarebbe “Circa cinque milioni di anni fa”, e cioè quando con la riapertura naturale dello Stretto di Gibilterra, le acque dell’Oceano Atlantico si riversarono nel bacino del Mar Mediterraneo allora quasi a secco.
 
Tornando in epoche più recenti, da oltre 20 anni esiste una realtà locale che si chiama Ketos, una piccola associazione culturale e scientifica che grazie ai suoi volontari realizza campagne di ricerca sui cetacei al fine di studiarne le popolazioni e salvaguardarle. Ketos compie il suo monitoraggio in mare anche collaborando con svariati enti nazionali e internazionali, realizza workshop formativi e segue i tesisti delle migliori facoltà italiane di biologia e scienze naturali.
 
Catania conta poi un’altra organizzazione legata al mare, Mare Camp, associazione che da 11 anni avvicina le nuove generazioni catanesi alla pratica di tutti gli sport marini federati dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano), arricchendoli con sessioni di biologia marina ed educazione al mare, per trasmettere ai più giovani una coscienza ambientale da tradurre col rispetto della risorsa che loro stessi utilizzano per divertirsi.
 
Ed è unendo le esperienze e le professionalità dei piloti di motonautica di Mare Camp e dei biologi marini di Ketos, che nasce il progetto “Dolphin Watching & Conservation in the Gulf of Catania”, un’offerta eco-turistica adatta ad ogni età e/o disabilità, grazie alla quale oggi chiunque può avvistare i delfini del Golfo ed osservarli liberi in natura, con la guida di chi conosce perfettamente le sue acque e la sua fauna, e rispetta specifici protocolli e codici di condotta internazionali per l’avvistamento dei cetacei.
 
Il progetto è stato ideato per informare la comunità sulla presenza dei cetacei e per divulgare la loro conservazione in quanto specie protette da accordi e convenzioni internazionali. Da qui la scelta di un’attività rivolta ad un pubblico non più di soli esperti provenienti dal mondo scientifico, ma composto anche da turisti, appassionati di natura, di fotografia, e semplici curiosi.
 
Inoltre, le escursioni in gommone organizzate da Mare Camp permettono ai cetologi Ketos di continuare a raccogliere dati e censire la cetofauna residente nel Golfo di Catania monitorandone lo stato di salute.
 
Se adesso credete nell’esistenza dei cetacei dietro l’angolo e desiderate incontrarli, sappiate che Mare Camp e Ketos sono gli unici con esperienza pluriennale a svolgere nell’area l’attività eco-turistica di dolphin watching, garantendo sempre la presenza di un cetologo qualificato a bordo, pronto a fornire dettagli sulla biologia e l’ecologia degli animali avvistati e ad interpretarne il comportamento al fine di non arrecare loro disturbo.
 
Ribadiamo infatti che si tratta di specie protette e vulnerabili, e che una persona non esperta può non riuscire a distinguere un naturale “Salto curioso di saluto” da uno compiuto invece in condizioni di stress e che sta a significare “Vai via, questa è casa mia, mi stai infastidendo!”.
 
Per chiunque si trovasse in navigazione e dovesse avvistare casualmente balene e delfini, postiamo qui una breve e semplice guida per agire in maniera opportuna e responsabile.
 
E a chi chiede “Dove si trovano i delfini?” rispondiamo che il mare ne è pieno, siate rispettosi dei suoi abitanti e lui vi regalerà le sorprese più affascinanti che possiate immaginare.
 
**
 
 
 
Indietro