Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.
Do il consenso

Photo-ID

 

La foto-identificazione o photo-ID, è una tecnica non invasiva che permette di identificare i singoli individui di una popolazione sulla base di caratteristiche morfologiche naturali.
Con essa è possibile ottenere dati relativi alle dimensioni delle popolazioni, alla distribuzione, alla stanzialità, al tasso di riproduttività ed alle eventuali migrazioni. Tale metodologia permette inoltre di ottenere sia informazioni sui rapporti intraspecifici che si determinano all’interno dei gruppi, sia dati sulle variazioni dello status della specie in esame.
Nei cetacei, si utilizza come carattere morfologico distintivo la pinna dorsale, ed in certi casi, anche il dorso ed il peduncolo caudale.
Nelle ricerche sui delfinidi effettuate in mare a bordo di un natante, osservazioni e fotografie degli animali sono essenziali per portare a termine lo studio. Questo deve essere svolto avvicinando gli animali molto lentamente, senza variazioni dei giri del motore ed in direzione parallela al gruppo. Ciascuna foto deve essere scattata perpendicolarmente all’asse del corpo dell’animale ed avere una risoluzione che permetta la visualizzazione di tacche spesse a partire da 1 cm.
I diversi tipi di segni riscontrabili, possono essere classificati in relazione alla durata della loro permanenza ed al loro grado di visibilità.

  • Abrasioni o tacche sulla pinna dorsale.
  • Forme inusuali della dorsale.
  • Graffi profondi o cicatrici.
  • Graffi superficiali.
  • Pinne bianche e aree di depigmentazione.
  • Lesioni attive.
  • Lesioni guarite.
  • Deformità naturali e non naturali.

Per tracciare le marcature distintive naturali accumulate negli anni dai singoli animali e le relative variazioni nel tempo, è opportuna la creazione di un catalogo fotografico, da mantenere costantemente aggiornato, nel quale siano inseriti tutti gli individui foto-identificati appartenenti alla popolazione indagata.
L’analisi degli scatti fotografici può essere eseguita con metodologie sia manuali che computerizzate. Le applicazioni della photo-ID sono tra le più varie e comprendono stime di popolazione attraverso tecniche quali la cattura-marcatura-ricattura o mark-recapture, analisi di site fidelity e calcolo degli indici di associazione riferiti agli individui foto-identificati.

 

>> KETOS e la photo-ID


>> Metodi manuali e computerizzati 

 

Testi a cura di Clara Monaco

 

Bibliografia

Amstrup S. C., McDonald T. L., Manly B. F. J., 2005 – Handbook of Capture-recapture Analysis. Princeton University Press, 2005. 313 pp.

Bruno A., Tringali L. M., Copat C., Corrente G., Monaco C., 2006 – Catalogue of a Bottlenose dolphin population in the Gulf of Catania (Ionian Sea), using and comparing two photo-identification methods. European Cetacean Society 2006. Associazione scientifica Ketos. In Press.

Cairns S. J., Schwager S. J., 1987 – A comparison of association indices. Animal Behaviour, 35: 1454 – 1469.

Culloch R. M., 2004 – Mark recapture abundance estimates and distribution of bottlenose dolphins (Tursiops truncatus) using the southern coastline of the outer Moray Firth, NE Scotland.  Thesis of Master of Science. School of Biological Sciences, University of Wales, Bangor, (novembre 2004).

Ginsberg J. R., Young T. P., 1992 – Measuring association between individuals or groups in behavioural studies. Animal Behaviour, 44: 377 – 379.

Irvine A. B., Wells R. S., 1972 – Results of attempts to tag Atlantic bottlenose dolphins, Tursiops truncatus. Cetology, 13:1-5.

Monaco C., 2008 – Dinamica di una popolazione di Tursiops truncatus (Montagu, 1821) residente nel Golfo di Catania. Tesi di Laurea, Università degli Studi di Trieste, A.A. 2007/2008.

Monaco C., Copat C., Corrente G., Floridia S., Internullo E., Tringali L.M., 2010 – “Catalogue of a bottlenose dolphin population resident in the Gulf of Catania” – European Cetacean Society 2010. In press.

Seber G. A. F., 1982 – The estimation of animal abundance and related parameters. Griffen, London.

Whitehead H., 2008 – Precision and power in the analysis of social structure using associations.  Animal Behaviour, 75: 1093-1099.

Wilson B., 1995 – The ecology of the bottlenose dolphins in the Moray Firth, Scotland: a population at the northern extreme of the species’ range. PhD thesis, University of Aberdeen. 201 pp.

Würsig B., Jefferson T. A., 1990 – Methods of photo-identification for small cetacean. Report of the International Whaling Commission, (12):43-52, SC/A88/ID13.

Würsig B., Würsig M., 1977 – The photographic determination of group size, composition, and stability of coastal porpoises (Tursiops truncatus). Science, 198:755-756.